Comitato “No al Bitume”: fermate l’approvazione del piano estrattivo”

Il Comitato “No al Bitume – Si al Parco del Trebbia” ha inviato un appello pubblico alla Presidente della Provincia Patrizia Barbieri e a tutti i Sindaci dei sette comuni che insistono sull’area del Parco del Basso Trebbia

Come anticipato durante la serata di confronto tra i candidati Sindaco del Comune di Gossolengo e personalmente alla Presidente della Provincia di Piacenza, il Comitato “No al Bitume – Si al Parco del Trebbia” ha inviato un  appello pubblico alla stessa Presidente della Provincia Patrizia Barbieri e a tutti i Sindaci e candidati Sindaco dei sette comuni che insistono sull’area del Parco del Basso Trebbia affinchè si sospenda l’iter di  revisione del PIAE (Piano Infraregionale delle Attività Estrattive) che sappiamo essere in via di adozione.

Sospensione che, come riportato nell’appello, consenta di procedere celermente alla redazione e all’approvazione del Piano Territoriale del Parco del Trebbia, elemento essenziale di pianificazione e indispensabile strumento di gestione territoriale, tuttora assente a ormai dieci anni di distanza dalla legge istitutiva del Parco (L.R. nr. 19 del 4 novembre 2009).

«Un appello – rende noto il comitato – oggetto di una importante raccolta firme, in collaborazione con gli amici di Legambiente, che vuole evitare non tanto le eventuali modifiche e aggiornamenti di uno strumento di pianificazione territoriale quale il Piano Infraregionale delle Attività Estrattive ma di subordinare le stesse alla determinazione prioritaria delle necessità di garantire al Parco Fluviale del Basso Trebbia il suo sviluppo e ampliarne le sue potenzialità di rispetto della biodiversità e di valorizzazione educativa e turistica.

Siamo sicuri dell’attenzione che la Presidente della Provincia darà al nostro appello, stante la personale sensibilità sul tema che la stessa Presidente ha sempre mostrato anche in passato nei vari ruoli pubblici ricoperti, così come siamo certi dell’attenzione e del sostegno che i Sindaci e Candidati Sindaco porranno alla questione ai quali si chiede personalmente, per il tramite di questo Comunicato, di aderire all’appello».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome