Coronavirus, la Cgil chiede maggiore sicurezza e salute sui luoghi di lavoro

La Cgil lancia l'allarme:

“La Segreteria della CGIL ritiene imprescindibile assicurare la salute e la sicurezza in tutti i luoghi di lavoro. Questa deve essere la priorità di tutti in questo momento per dare più forza al contrasto alla diffusione del COVID – 19”. 

Con queste parole inizia la nota del sindacato, impegnato in questi giorni a difesa del futuro dei lavoratori nel dopo Coronavirus.

“Il DPCM 11 marzo – continuano – , emanato nella notte dal Governo, non può limitarsi a semplici raccomandazioni, ma va reso pienamente esigibile al fine di sanificare, mettere in sicurezza e riorganizzare tutti i luoghi di lavoro.

In questo senso è positivo che il governo abbia accolto la richiesta unitaria di incontro, che a nostro parere deve avere come obiettivo la definizione di un protocollo nazionale di sicurezza anti contagio da applicare in tutti i luoghi di lavoro.

La sua definizione e applicazione non può prescindere da un confronto e da accordi fra le parti sociali ad ogni livello, coinvolgendo tra le altre anche le Rappresentanze sindacali dei lavoratori.

Laddove non ricorrano le condizioni per dare applicazione al protocollo di sicurezza si deve procedere alla riduzione delle attività produttive sino anche alla loro momentanea sospensione utile a determinare le condizioni di sicurezza per le lavoratrici e i lavoratori.

Per realizzare tutto ciò, occorre fare ricorso a tutti gli strumenti contrattuali e agli ammortizzatori sociali esistenti o di prossima definizione per sostenere sia i processi di sanificazione e messa in sicurezza dei luoghi di lavoro, sia per far fronte ad eventuali rallentamenti o sospensione delle attività produttive.

Solo garantendo la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro si può sconfiggere l’epidemia in corso: è questa l’unica condizione necessaria per determinare la salvaguardia dell’occupazione e la ripresa dello sviluppo del nostro Paese”.   

In una seconda nota la Camera del Lavoro di Piacenza informa che a seguito dei provvedimenti sul contenimento dell’epidemia da Coronavirus susseguitesi in vari Dpcm, e alla luce delle comunicazioni Organizzative arrivate dalla Cgil Nazionale e dalla Cgil Regionale in riferimento all’apertura delle sedi sul territorio, comunica agli utenti che le sedi di Piacenza (via XXIV Maggio, tel.0523459701), Castel San Giovanni (Via Silvio Pellico, 14/a Tel. 0523 842826) Fiorenzuola d’Arda (Via Risorgimento, 15 Tel. 0523 983561)
e Monticelli (P.zza Matteotti, 8 Tel. 0523 829490) sono regolarmente attive, ma con accesso organizzato in base ad appuntamenti e con precedenza alle pratiche urgenti.

 

Isole Åland
Publicità

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome