Elezioni Consorzi di Bonifica: la Regione dice no al voto telematico

Emergenza idrica per Piacenza

L’Aula (con il voto contrario di tutta la maggioranza e il sì delle opposizioni) boccia la risoluzione del consigliere di Fratelli d’Italia Giancarlo Tagliaferri con cui si chiedeva di “facilitare le operazioni di voto per i Consorzi di bonifica prevedendo il voto telematico” così come boccia (con il voto contrario del Partito democratico ma il sì delle opposizioni, di Sinistra Italiana e di Silvia Prodi del gruppo misto) la risoluzione a firma di Andrea Bertani e Raffaella Sensoli (Movimento Cinque Stelle) con cui si sarebbe impegnata la giunta a “illustrare alle commissioni i testing di Lepida” sul voto elettronico.

L’intenzione di Fratelli d’Italia e M5s era quella di “aumentare la partecipazione al voto” perché “non si può pensare di lasciare le cose come stanno oggi – ha detto Tagliaferri -, dove su una platea di un milione 600 mila aventi diritto, poco più di 15 mila persone si recano fisicamente ai seggi per eleggere gli organi consortili deputati a gestire quasi 150 milioni di euro annui”. Anche per Andrea Bertani (M5s) andrebbe fatta “una riforma del metodo di elezione”. Massimo Iotti (Pd) aveva anche aperto a un ritorno in commissione per arrivare a un testo condiviso, ma “l’importante è che si rispettino gli statuti dei consorzi che prevedono modalità certificate, segretezza del voto e la non modificabilità”.

L’assessore Simona Caselli ha invitato “a non sottovalutare anche il voto presidiato perché può dare una mano alla partecipazione. E’ stato fatto a Reggio Emilia, sono stati previsti seggi nelle piazze e ci si è avvicinati molto alla gente”. Per Marco Pettazzoni (Ln) “con queste due risoluzioni avremmo potuto esercitare il nostro potere di legislatori e amministratori, sono almeno nove anni che si parla di andare verso il voto telematico”. E Gian Luca Sassi (Misto) ha sottolineato come la scelta di non utilizzare il voto telematico non può “essere una questione tecnica, ma una volontà politica”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome