L’ex hotel San Marco cade letteralmente a pezzi: si stacca parte della pensilina

Non vi è dubbio che la lenta decadenza dell’hotel San Marco di Piacenza sia una vergogna che dura da troppi anni e da troppe amministrazioni.

Questo pomeriggio, intorno alle 17,30, si è staccato un grosso pezzo di ferro dalla bella pensilina liberty che, nonostante il pregio architettonico, si sta disfacendo a causa della corrosione.

Sul posto è intervenuta la Polizia Municipale che ha raccolto la scheggia ed ha richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco, arrivati con un’autoscala.

E’ stato un miracolo che nel momento in cui si è staccato il pesante pezzo del manufatto nessuno stesse transitando sul marciapiede.

A titolo precauzionale i Vigili del Fuoco hanno ritenuto necessario prima chiudere la via al  transito e poi transennare l’area sottostante alla struttura. Il tutto in attesa di capire cosa fare della struttura che potrebbe dover essere interamente smontata. «Non posso sapere se e quando un altro pezzo si staccherà – commentava uno dei pompieri intervenuti- quindi per me è da ritenersi pericolosa».

Tornano quindi le transenne attorno all’edificio da cui in passato già si erano staccati pezzi di cornicione su via Cittadella. Albergo ove, in un lontano e glorioso passato, soggiornava spesso il maestro Giuseppe Verdi.

L’ex hotel è divenuto poi sede dell’ufficio d’igiene ed in seguito sede del comando dei vigili urbani. Lo stabile è per due terzi di proprietà dell’Ausl e per la parte restante del Comune di Piacenza.

Più volte è stata annunciata la sua messa all’asta. Evento rinviato una prima volta a causa – venne detto – delle mutate condizioni del mercato immobiliare. Nell’aprile 2016 il direttore generale dell’Ausl Luca Baldino aveva assicurato che sarebbe stata commissionata una nuova perizia sul valore e poi si sarebbe proceduto, a breve, con la vendita all’incanto. Invece l’edificio è ancora lì, di aste non si è più parlato ed intanto cade letteralmente a pezzi.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome