La Lega di Piacenza contro la trasformazione del centro culturale islamico in moschea

Per il capogruppo del Carroccio in regione "autorizzare la costituzione di una moschea in questo periodo non solo è fuori luogo ma anche inopportuno ed irrispettoso"

Iftar alla Comunità Islamica di Via Caorsana
Un momento di preghiera

Gli esponenti della Lega di Piacenza intervengono sulla questione del circolo culturale islamico di via Caorsana che dovrebbe, a breve, diventare a tutti gli effetti una moschea.

Luigi Merli, referente provinciale Lega Piacenza con una nota stampa se la prende con l’assessore comunale Erika Opizzi, che fa parte della giunta Barbieri sostenuta dallo stesso partito di Salvini

«Apprendiamo dalla stampa – scrive Merli – che sarebbe stato autorizzato il cambio di destinazione d’uso di un capannone sulla Caorsana e che in quell’ambito potrà quindi a tutti gli effetti costituirsi una moschea. Quanto accaduto non trova spiegazione: benché il progetto sia conseguenza di una scelta presa dalla precedente amministrazione di sinistra, troviamo inopportuno che Erika Opizzi, titolare delle deleghe all’Urbanistica, Demanio e Patrimonio, non abbia informato il resto della Giunta e le forze di maggioranza. E’ inevitabile che l’assessore Opizzi debba ora fornire delle spiegazioni, a noi e soprattutto ai piacentini».

Anche il consigliere regionale della Lega ER, Valentina Stragliati, interviene su quella che definisce “presunta autorizzazione al cambio di destinazione d’uso di un capannone sulla Caorsana che potrebbe diventare una moschea”.

«Nel bel mezzo di una pandemia – sostiene la Stragliati – che si protrae da un anno ed ha già bruciato decine di migliaia di posti di lavoro, partite iva e aziende, ha tolto la scuola agli studenti, ha rimandato visite specialistiche e screening a persone malate, le priorità devono essere: vaccinazioni, il ritorno in classe degli alunni e la ripresa del sistema economico e, dunque, del mercato del lavoro. Poi ci sarà tempo anche per le altre cose…».

Il primo a prendere posizione, oggi pomeriggio, era stato il capogruppo della Lega ER, Matteo Rancan

«Autorizzare, nei fatti, la costituzione di una moschea in questo periodo non solo è fuori luogo ma anche inopportuno e irrispettoso: le priorità di questo momento storico sono ben altre e riguardano la ripartenza delle attività economiche, la tutela della salute e il ritorno a una vita normale. Pertanto ci frapporremo e ostacoleremo il progetto anche dai banchi della Regione”. Così , sulla presunta autorizzazione al cambio di destinazione d’uso di un capannone sulla Caorsana».

(Foto di repertorio pre pandemia)

 

 

Publicità

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome