Nelle aule della Vittorino da Feltre installati pannelli che “mangiano lo smog”

Pannelli theBreath installati nella scuola Vittorino da Feltre di Piacenza

Una scuola elementare piacentina, la Statale Vittorino da Feltre, sperimenta un rivoluzionario tessuto multistrato theBreath® in grado – secondo i suoi inventori – di “catturare” e disgregare le sostanze volatili nocive ossia lo smog. All’interno delle 24 aule della scuola è stato installato un pannello realizzato con un’innovativa fibra che assorbe l’aria inquinata per poi rimetterla immediatamente in circolo pulita e purificata.

Un modo nuovo e diverso per rendere gli istituti scolastici più salubri in termini di qualità dell’aria respirata e che si aggiunge all’insegnamento quotidiano di comportamenti virtuosi in materia ambientale (nella speranza che il domani di questi alunni sia più sostenibile del nostro).

Negli ambienti chiusi – compresi quelli che ci appaino più confortevoli – l’aria non è mai del tutto pura; irritazioni, dermatiti, attacchi d’asma sono solo alcune delle possibili conseguenze. Abitazioni, uffici, negozi, locali pubblici, scuole… nessuno spazio indoor è immune al 100% dall’inquinamento.

Le cause sono tante e spesso complementari fra loro, compreso l’utilizzo di materiali edili insalubri, la presenza di mobilia o di apparecchiature (aspirapolvere, fax, fotocopiatrice…) che contengono sostanze nocive, l’impiego di detersivi e di altri prodotti disinfettanti, la scarsa ventilazione di una stanza.

Lo speciale tessuto installato alla Vittorino da Feltre può essere utilizzato sia all’interno. Nella scuola i pannelli sono stati personalizzati e  raffigurano immagini scelte dagli insegnanti (cartine geografiche, figure geometriche ed altro). In più contribuiscono al benessere degli alunni e degli insegnanti.

«Due le leve che ci hanno stimolato ad adottare questi straordinari pannelli anti-inquinamento – ha sottolineato la professoressa Elisabetta Ghiretti, dirigente scolastico della scuola Vittorino da Feltre – innanzitutto, il desiderio di offrire ai nostri studenti e ai nostri insegnanti la possibilità di vivere in un ambiente più sano. E poi, ma non per forza in second’ordine, la consapevolezza di fornire ai più giovani un buon esempio di ecologia sociale. Un grazie davvero sentito va all’azienda C2Group di Cremona che con generosità ha supportato la nostra scuola consentendo l’acquisto di questi pannelli».

«Bello sapere che da oggi la nostra tecnologia contribuisce a rendere più sana la vita dei tanti bambini che frequentano questo istituto scolastico – ha affermato Gianmarco Cammi, direttore operativo di Anemotech e co-inventore della tecnologia theBreath®. È risaputo: viviamo in un mondo circondato dallo smog. Ciò che forse nel percepito collettivo non si è ancora colto a pieno è che anche l’aria che respiriamo negli spazi indoor è inquinata. Sconfiggere l’inquinamento è difficile, ma combatterlo è possibile».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome