Enter your email Address

Pubblicità
Home Cronaca Non si ferma all’alt della polizia provinciale, scappa e provoca incidente. 31enne...

Non si ferma all’alt della polizia provinciale, scappa e provoca incidente. 31enne denunciato

Il giovane, residente nel lodigiano guidava con la patente sospesa. L'inseguimento era iniziato in località Cattagnina di Rottofreno

Pubblicità

Un autocarro non si era fermato all’alt della polizia provinciale di Piacenza e ne era scaturito un prolungato inseguimento. Il tutto era accaduto mercoledì 24 febbraio 2021 alla Cattagnina di Rottofreno, lungo la Strada Provinciale n. 10. Il mezzo pesante, dopo aver effettuato un sorpasso pericoloso anziché fermarsi aveva accelerato in direzione Castel San Giovanni, con più cambi di direzione e con gli agenti della polizia provinciale alle costole. A dar loro manforte erano intervenuti anche i carabinieri di Borgonovo. Durante la sua corsa, l’autocarro aveva compiuto numerose manovre azzardate ed aveva anche causato un incidente urtando un’auto alle porte di Rottofreno (per i rilievi di legge era intervenuta la polstrada di Piacenza).

La pattuglia della polizia provinciale si era fermata per assicurarsi che la donna al volante dell’auto stesse bene e fortunatamente la signora è uscita illesa dall’urto.

Nel frattempo però il mezzo in fuga ha fatto perdere le proprie tracce dileguandosi in direzione di Centora.

Grazie ai dati della targa dell’autocarro la polizia Locale della Provincia di Piacenza è risalita fino all’autista del mezzo, un 31enne, residente a Santo Stefano Lodigiano, risultato essere il figlio del proprietario del mezzo.

Si è così scoperto che il giovane non avrebbe potuto essere alla guida, avendo la patente sospesa. Ora è stato denunciato a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale e la patente gli è stata definitivamente revocata mentre il mezzo è stato sottoposto a fermo amministrativo di tre mesi. All’uomo sono state contestate anche tutte le infrazioni al codice della strada commesse durante la fuga.

Pubblicità

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome

Exit mobile version