Omicidio di Caorso. Murelli e Pisani: “Vicini al sindaco Battaglia nella lotta per la legalità”

Minacce al primo cittadino di Caorso. Murelli e Pisani (Lega): «Chi si batte per la legalità dà sempre fastidio. Non tollereremo oltre». Sull'omicidio intervengono anche Rancan e Valentina Stragliati

On. Elena Murelli e sen. Pietro Piasani

«Chi si batte per la legalità dà sempre fastidio. E noi fastidiosi lo saremo sempre. Solidarietà al sindaco di Caorso, Roberta Battaglia, per le ennesime minacce ricevute. La Lega le è vicina».

I parlamentari della Lega, Elena Murelli e Pietro Pisani, si schierano al fianco di Battaglia, minacciata di nuovo, dopo il tragico fatto di sangue che è purtroppo costato la vita a una persona. «Non tollereremo che un sindaco eletto dai cittadini – continuano Murelli e Pisani – non possa lavorare in modo tranquillo, a causa di continue minacce, mentre svolge il proprio incarico a favore di tutti».

Sull’omicidio di ieri sera ci sono anche da registrare altre due reazioni sempre in casa Lega. La prima è a firma Matteo Rancan.

“Per contrastare l’aumento vertiginoso dei fenomeni criminosi nelle nostre città occorrono due sole cose: ripristinare la certezza e l’effettivita’ del diritto ed inasprire le pene contro i violenti’. Così il consigliere regionale della Lega, capolista a Piacenza del Carroccio alle prossime Regionali del 26 gennaio, Matteo Rancan, sulla violentissima lite fra pregiudicati avvenuta questo pomeriggio a Caorso nella quale è rimasto ucciso Rocco Bramante, conosciuto come ‘Boss’ dei nomadi”.

Questo invece l’intervento di Valentina Stragliati.

“Sono incredula e scossa di fronte alla notizia dell’efferato omicidio consumatosi in orario pomeridiano di fronte a un bar in una strada di un nostro paese; un atto criminoso di assoluta gravità che offende e preoccupa non poco l’intera comunità. Di fronte a questi fenomeni occorre reagire e, a tal proposito, ribadisco la necessità di perseguire la massima repressione e nessuna tolleranza nei confronti di chi si rende responsabile di gesti e comportamenti che minano la nostra sicurezza, anche attraverso l’inasprimento delle pene e la certezza della loro applicazione”. Valentina Stragliati, candidata della Lega alle elezioni regionali del 26 gennaio, commenta con queste parole la notizia dell’omicidio di Rocco Bramante nel corso di una violenta lite avvenuta ieri pomeriggio a Caorso. “Anche dalla mia esperienza come Assessore alla Sicurezza – aggiunge Stragliati – ritengo sia fondamentale garantire il massimo supporto e collaborazione all’azione delle Forze dell’Ordine a cui noi tutti dobbiamo essere grati per l’encomiabile lavoro che svolgono per la nostra tutela e per il controllo del territorio”. 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome