“Il Governo stanzia 230 milioni per il nuovo Ospedale di Piacenza”, annuncio dei parlamentari 5 stelle

Sì al nuovo ospedale, arrivano i fondi dal Governo

Finalmente ci siamo. Dopo mesi di dibattito, con un decreto firmato il 24 dicembre dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, su proposta del Ministero della Salute assieme con quello del Lavoro e Politiche Sociali, sono stati stanziati 230 milioni per la realizzazione del nuovo Ospedale a Piacenza. Lo annunciano i parlamentari del Movimento 5 Stelle, Maria Elena Spadoni (vicepresidente Camera), Davide Zanichelli- Deputato M5S, Maria Laura Mantovani, Gabriele Lanzi, Senatore M5S.

Sono 230 milioni di euro le risorse disposte dal Governo nell’ambito delle “iniziative di elevata utilità sociale nel campo dell’edilizia sanitaria” per l’ASL di Piacenza-Ospedale di Piacenza”, come si legge nel decreto presidenziale.

“I fondi – si legge in una nota-  rientrano nell’ambito dei piani triennali d’investimento dell’INAIL e mostrano l’attenzione del Governo al tema della salute. Va specificato che il decreto presidenziale è al vaglio degli organi di controllo. L’INAIL verificherà e realizzerà gli interventi che abbiano progetti esecutivi perché possano partire i cantieri. È comunque significativa la quantità di risorse previste per gli ospedali del nostro territorio. Per Piacenza è previsto proprio la realizzazione di una nuova struttura ospedaliera.

Il Ministero della Salute ha così disposto in sinergia con il Ministero del Lavoro 230 milioni di euro per la provincia piacentina, oltre ad altri interventi in programma in Emilia Romagna e in altre regioni italiane, denotando una forte attenzione per il territorio. L’auspicio che facciamo è che questi fondi siano utilizzati per le strutture sanitarie, con la dovuta considerazione anche per il mantenimento per i presidi di provincia”, concludono i pentastellati.

IL TESTO DEL DECRETO

PiacenzaOnline

Via Cittadella 33/b
Piacenza, Italia 29121
Italia
Telefono: 0523-1656441
Email: redazione@piacenzaonline.info

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome