Buon Piacenza contro il Gubbio, ci pensa Paponi di testa sul finire di partita, 1 – 0

La vittoria giunta ai rigori con l’Imolese non ha scacciato i dubbi che gravitano attorno al Piacenza di questa stagione: sia per come è arrivata la vittoria, sia per lo stato di forma nelle ultime 4 di campionato, dove la squadra di Franzini ha raccolto la pochezza di 3 punti. Il Gubbio si presenta in questa partita al Garilli forte invece di 2 vittorie in 3 partite, arrivate con Vis Pesaro e Modena.

Pertanto sarebbe prematuro dare per scontata questa partita.

La prima insidia per il Gubbio arriva dopo pochi minuti, quando Corradi dall’angolo scodella al centro, ma il colpo di testa viene fermato sulla linea dal portiere Ravaglia. Il Piacenza ci prova di nuovo poco dopo: Zappella dalla tre quarti crossa a centro area dove Paponi in tuffo, da solo, riporta Ravaglia a una grande parata per togliere il pallone dall’angolo destro della porta da lui difesa.

Nono minuto e il Piacenza ha l’occasionissima, Paponi servito dalla sinistra (Pergreffi) sempre a centro area di piattone stampa il pallone sulla traversa. Piacenza decisamente propositivo in questa prima fase, il Gubbio è troppo attendista, prova ne è la quarta limpida occasione emiliana: Zappella da destra vicino alla linea di fondo crossa al centro, pallone lungo per il primo giocatore, il secondo trova Munoz sulla linea di tiro.

Prima azione offensiva del Gubbio dopo un quarto d’ora, calcio d’angolo tranquillamente gestito da Del Favero. Timidamente il Gubbio cerca di imbastire azioni pericolose, ma Del Favero per ora può dormire sonni tranquilli. Munoz si fa vedere davanti a Del Favero al 28esimo dopo un disimpegno errato della difesa di Franzini, tiro sbilenco.

Altra parata surreale per Ravaglia ma grande Piacenza al 35esimo: Corradi vede Zappella partire sulla destra, il cross viene ribattuto e Nicco, il quale di giustezza lancia una bomba che Ravaglia tocca quanto basta per deviarla in angolo.

Zappella ancora protagonista poco dopo, prova dalla propria metà campo a farsi tutto il campo, ma all’ingresso in area di rigore viene fermato dalla difesa eugubina.

Il primo tempo si chiude in parità, il Piacenza, pur essendo abbastanza pimpante, ha sprecato tantissime occasioni. Il Gubbio ha tentato timidamente di uscire dal proprio guscio, ma Del Favero non è stato particolarmente impegnato.

SECONDO TEMPO

La seconda frazione vede un Piacenza un po’ contratto, con meno slancio rispetto al primo tempo. Possibilità dall’una e dall’altra parte, Cacia in particolare si trova da solo davanti al portiere, ma stecca, Ravaglia nuovamente imperioso.  Rvaglia si supera nuovamente al 73esimo, da fuori Corradi tira una sassata, ma un balzo felino del portiere eugubino sventa la minaccia.

Fallo di poco fuori area al 77esimo, il Gubbio rischia il rigore ma perde Munoz, espulso per doppia ammonizione. Poco più di 10 minuti per il Piacenza per approfittare della superiorità numerica.

Finalmente all’ 83esimo arriva il gol liberatore del Piacenza: Nannini si indirizza sulla sinistra, appoggia a Corradi, questi crossa al centro e Paponi incorna anticipando il difensore del Gubbio.   

Piacenza ha preso lo slancio giusto, trova ancora la traversa. Calcio d’angolo Bacchetti di testa spazza, ma Marotta controlla fuori area e Nicco è pericolosissimo.

Un Piacenza che ha ben seminato durante il primo tempo, ha controllato durante la prima fase del secondo tempo, e Paponi ha finalizzato. Ravaglia stavolta non ha potuto nulla, è rimasto di ghiaccio. Nonostante questo sia lui che Del Favero hanno mostrato ottime cose, senza dimenticare Zappella sempre propositivo sulla fascia.

PiacenzaOnline

Via Cittadella 33/b
Piacenza, Italia 29121
Italia
Telefono: 0523-1902683
Email: redazione@piacenzaonline.info

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome