Piacenza inesauribile contro Padova, 3 – 2 dopo quasi 3 ore di gioco

3 set su 5 ai vantaggi, Kooy miglior giocatore della partita

Piacenza inesauribile contro Padova, 3 - 2 dopo quasi 3 ore di gioco

Gas Sales Piacenza vuole rimpinguare il proprio bottino di punti accumulato sinora per viaggiare tranquilla nelle zone che contano della classifica. Padova viene da due vittorie consecutive, da vedere le condizioni della formazione piacentina, e come reagirà Nelli al rientro. Al contrario Piacenza dovrà fare a meno di Fei, costretto ai box da un infortunio alla gamba.

Piacenza parte bene, monster block e pipe di Kooy, è ben messa in campo e subito porta a casa un buon parziale, 6 – 3 sull’invasione di Padova. Il rientro di Nelli si fa sentire, Padova subito costretta a chiedere il time out.

Kooy ancora in diagonale, Stankovic trova impreparata Padova in ricezione, ace. Sul 16 – 11 Piacenza rallenta, si fa riprendere sul 16 – 14, Scanferla ha l’occhio vigile e vede la traiettoria fuori di una difesa sbilenca padovana. Padova sul -1, Gardini chiede time out. Stankovic suona la carica, monster block e Piacenza va sul 22 – 19, Stankovic ancora impenetrabile, muro e l’onda è favorevole a Gardini e soci. Ishikaua regala il set point, finisce 25 – 22.

SECONDO SET

Kooy in pipe rimedia al muro fuori, Nelli è in forma e si vede dalle sue esultanze, non vede l’ora di schiacciare, Kooy non è da meno, 5 – 3 e Piacenza scava un piccolo solco tra se e Padova. Nelli, Randazzo pareggia, il muro di Padova non si fa sorprendere, è un testa a testa. Volpato è abile ad aspettare il momento buono per schiacciare, Nelli pure a trovare la porzione giusta di muro da usare per mandare il pallone out.

9 – 8, Piacenza prende fiato e Padova allunga, 11 – 13. Bel punto per Piacenza, piede della difesa padovana, il pallone carambola nel terreno piacentino appoggio per Stankovic che vede il varco giusto mentre il pallone è in parabola discendente. 14 – 14, 15esimo punto molto incerto, sembra ci sia una invasione di Hernandez, così è. Il 17 – 16 è da applausi: pallone che sembra sempre sul punto di cadere, Piacenza la tiene viva, difende e Kooy schiaccia dall’altra parte, +1 mantenuto.

Nelli cerca il rimbalzo giusto del muro e lo trova, +2, Stankovic in primo tempo e Piacenza va a +3, 20 – 17. Regalo di Casaro in battuta e Piacenza tiene il +2, Kooy a muro e il PalaBanca sottolinea il gesto tecnico, dal centro Stankovic in primo tempo trova nuovamente un angolo già utilizzato in precedenza, 23 – 21. Padova grazie ad un errore di Kooy che sbatte contro l’asticella e ad un ace riporta la parità e il set point. Ishikaua regala il pari, due errori di Padova tengono in gioco Piacenza che allunga con un prezioso monster block, 26 – 25. Terzo errore di Padova, e Piacenza ha ancora nelle mani di Krsmanovic il set point, ma sbaglia.

Volpato mura Nelli, gran palla di Cavanna per Berger che ha vita facile, 28 – 28. Ancora lui sul 29 pari, chiesta invasione a rete sul decisivo punto del 29 – 31, niente da fare.

TERZO SET

Berger chiude il 4 – 2, è successo di tutto. Lo schiacciatore si ripete, Randazzo sbaglia e ora Piacenza ha ancora un buon margine da gestire, 7 – 3 grazie all’ace ancora dell’austriaco ex di turno. Hernandez spara out, 11 – 8.

Standing ovation per Scanferla sul 20 – 18, palla fuori dal campo ma il libero in tuffo recupera in modo magistrale, 21 – 19. La partita si sta giocando punto a punto come nel secondo set, difficile dire chi si meriterebbe il set. Un paio di errori di troppi tengono Padova alle calcagna, 22 – 21. Nelli si porta a casa il 23 – 21, Padova inanella tre punti di fila ed è set point: 23 – 24. Kooy rimedia, si torna ai vantaggi: stavolta favorevole a Piacenza, chiude Kooy con un mostruoso monster block.

QUARTO SET

Piacenza non parte bene, ma recupera sul 3 – 3 e con Krsmanovic allunga, ottima azione personale. Free ball e Kooy ne approfitta, Padova chiede time out, ora la partita la fanno i piacentini, 7 – 4, Krsmanovic ancora a muro, sempre due punti avanti. Botto non contiene la schiacciata e Padova recupera, -1. Nell’azione successiva free ball e Kooy in pipe rimedia, 14 – 13.

I biancorossi tengono bene il campo, ma Padova non demorde e rimane in scia, 18 – 17. Kooy ancora sull’angolo buon per Piacenza, +2 ma due errori rimandano ancora il discorso, 19 pari. Il videocheck dice bene a Piacenza sul 20 – 19, difficilissimo giudicare. Stankovic vola a prendersi il 23 – 22, serve l’accelerata per tre punti che sarebbero fondamentali.

Invece Padova si conquista il set point: Kooy con un tocco malandrino supera il muro e la palla trova rifugio nell’angolino a sinistra. Stankovic accende il PalaBanca con un ace beffardo. Ma è sempre parità: 25 – 25. Finisce 28 – 30, Gardini prova a chiedere un check ma nessun tocco.

TIE BREAK

Kooy con 2 punti su 4 inchioda il set conclusivo, 4 – 1 e Padova chiede subito time out. Ace di Kooy, 6 – 3. Hernandez chiude il 7 – 4, Piacenza pare prendere il largo col muro di Berger, 9 – 5, Hernandez col mancino tiene viva l’ultimo spicchio di match.

Krsmanovic si guadagna il match point dal centro, finisce col muro. Dopo quasi 3 ore di gioco, Piacenza porta a casa una vittoria importante per il morale soprattutto. 3 punti sarebbero stati l’ideale, ma va bene così. Ora in classifica la squadra di Gardini è a ridosso dei playoff con una partita in meno rispetto a Verona.

PiacenzaOnline

Via Cittadella 33/b
Piacenza, Italia 29121
Italia
Telefono: 0523-1902683
Email: redazione@piacenzaonline.info
Publicità

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here