Lampi di grande calcio al “Nereo Rocco”: rimonta Piacenza in venti minuti, 1 – 3 alla Triestina

Magia tattica di Franzini, che vince con i cambi giusti. Ottimo Zappella grazie ai due assist

Piacenza gioca col 4 -3 – 3 al Nereo Rocco di Trieste per la partita contro la Triestina. In porta coach Franzini deve rinunciare al titolare Del Favero convocato con l’Under 21, al suo posto l’ex Pro Piacenza Bertozzi. Grande sfida tra Granoche e Cacia, bomber di grande esperienza, e con Bolis al posto di Giandonato per il Piacenza. Inutile fare una previsione sul risultato, in quanto tra le due formazioni c’è esatta parità: 11 vittorie per parte e 16 pareggi.

La pioggia e il campo conseguentemente scivoloso non renderanno la partita semplice, sia per l’una che per l’altra squadra.  Dopo 10 minuti il primo sussulto, ma per i biancorossi di casa: Giorico crossa al centro area, colpo di testa magistrale di Granoche, Bertozzi fa quello che può, il pallone rimane li e Formiconi mette dentro da due passi. 1 – 0 Triestina. 

Condizioni del terreno di gioco molto difficili, che rendono proibitivo un gioco a terra. Nel frattempo la Triestina è sempre nella metà campo del Piacenza. Nel corso dei minuti il Piacenza si difende bene e con ordine, ma fatica a portare palla dalle parti di Cacia. Un’occasione ce l’ha Nicco al 39esimo, ma l’azione si inceppa.

SECONDO TEMPO

Il secondo tempo comincia bene per la Triestina: dopo neanche un minuto Formiconi dalla destra cerca Mensah che di testa emerge e per un nulla non trova l’angolo buono alla destra di Bertozzi.

Triestina ancora sugli scudi, in una ripartenza Gomez fa fuori Giandonato, non vede Gatto partito con i tempi giusti sulla destra, e l’azione si infrange sulla difesa piacentina.

Escono Sestu e Cacia, entrano Paponi e Sylla, intanto sullo stadio spunta anche un raggio di sole. Al 72esimo arriva inaspettato il pareggio del Piacenza: Nicco spalle alla porta sul limite dell’area di rigore vede l’incombente Zappella che con un cross di media altezza taglia in due l’area avversaria, nessuno interviene e allora Paponi si ritrova il pallone tra le gambe e rocambolescamente supera Offredi.  

L’inerzia psicologica del match viene ribaltata, il Piacenza si fa più pericoloso e in fiducia si fa vedere più spesso dalle parti della squadra di Pavanel, tanto da ribaltare il risultato dopo pochi minuti (78esimo): azione simile a quella che ha propiziato il gol del pareggio, quasi una bella copia, Zappella crossa nuovamente dalla destra, questa volta Paponi si fa trovare molto più pronto di prima e di testa anticipa il difensore e incorna. 1 – 2 a una manciata di minuti dalla fine del match.

L’ 1 -3 è un capolavoro scuola Liverpool: corner per la Triestina, Corradi riparte in contropiede attaccato da Ferretti, la tiene e serve Nicco sulla sinistra, lunghissimo cross per Sylla, abbandonato dalla parte opposta. L’attaccante ghanese da pochi passi la appoggia al volo e Offreddi non può far nulla. Festa sugli spalti all’ 84esimo per i resilienti tifosi piacentini che hanno affrontato la trasferta sotto la pioggia.

Nulla da fare per la Triestina, ardori di vittoria sopiti dai lampi del Piacenza negli ultimi venti minuti. Il cantiere Piacenza comincia a mostrare il suo potenziale, resta l’acquolina in bocca, per i tifosi, di vedere la qualità di gioco mostrata oggi nei 20 minuti finali per tutta la durata della partita.

PiacenzaOnline

Via Cittadella 33/b
Piacenza, Italia 29121
Italia
Telefono: 0523-1656441
Email: redazione@piacenzaonline.info

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome