“No zone franche a Piacenza”, Prefetto e Questore ringraziano i poliziotti aggrediti alla Farnesiana

Revocato il permesso di soggiorno all'aggressore di Via Marinai d'Italia

E’ notizia dei giorni scorsi di un’aggressione nel quartiere Peep (Via Marinai d’Italia) nei confronti di una barista da parte di un cittadino marocchino il quale, nell’opporre resistenza, ha causato anche lesioni ad un operatore di Polizia.

Oggi arriva il riconoscimento da parte del Prefetto e del Questore Ostuni. Il Prefetto in particolare ha sottolineato l’importanza del lavoro della Polizia come presidio del territorio. “Ogni qualvolta arriva in un luogo, li arriva la democrazia. Questo è un passaggio fondamentale che tiene in piedi ogni istituzione. E’ stata gestita la situazione con grande freddezza, si stava facendo rispettare la legge. Sono persone attrezzate ad affrontare la disperazione del gesto contrario. A Piacenza queste cose non devono succedere, così come in nessuna parte d’Italia, la Prefettura è sempre dalla parte della Polizia”. 

Il Questore Ostuni ha voluto aggiungere un ringraziamento al reparto Prevenzione Crimini e alle altre Forze dell’Ordine. “Ci viene sempre data una mano. Questa persona è attualmente in carcere, la mattina successiva all’accaduto ho revocato il permesso di soggiorno, perchè aveva qualche altro precedente. Questo signore lo accompagneremo al suo Paese di origine. Lavoriamo anche all’identificazione dei soggetti coinvolti, a Piacenza non esistono zone franche, lo Stato deve far rispettare le sue norme, chi sbaglia deve rispettare la legge, e non si può mancare di rispetto a un poliziotto che sta facendo il proprio lavoro”.  

In conclusione il Prefetto ha rimarcato come ogni intervento non sia mai semplice. “C’è una preparazione, questo signore non aveva esitato a prendersela con una donna. Il rispetto del ruolo della donna, è importante”.

PiacenzaOnline

Via Cittadella 33/b
Piacenza, Italia 29121
Italia
Telefono: 0523-1902683
Email: redazione@piacenzaonline.info
  

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome