I popolli unplugged: favola per Violoncello e Clown

Il nuovo spazio teatrale “OPEN SPACE 360” di via Scalabrini 19, accoglierà sabato 13 aprile alle ore 17.00, la rassegna PRIMAVERA OPENSPACE360, spettacoli di teatro, clown e circo che in sole 2 settimane è giunta già al suo terzo appuntamento. Lo spettacolo è dedicato ad un pubblico di famiglie che si troveranno di fronte ad una divertente rivisitazione (con finale sorprendente), di alcune delle fiabe più popolari.

Un impacciato presentatore annuncia l’inizio del concerto, ma all’apertura del sipario solo la violoncellista sta accordando lo strumento. Il violinista è misteriosamente sparito abbandonando tra le quinte il frac e la custodia del violino. Lo spettacolo deve andare avanti!Il povero presentatore si trasforma in un improbabile musicista, improvvisando storie impossibili ed inventando situazioni assurde.

Questa è la trama dello spettacolo messo in scena da Mauro Mozzani, attore di Manicomics Teatro e clown del Cirque du Soleil, che ha estratto alcuni brani da “Versi Perversi”, “Sporche Bestie” e altri racconti dello scrittore norvegese Roald Dahl creando una partitura dove si intrecciano poesie, note, smorfie, accordi, racconti, rumori.

Elena Castagnola al violoncello fa da colonna sonora, inventandosi anche rumorista in uno spettacolo dove la parola si trasforma in gesto mentre la musica accompagna, avvolge e diventa solista, per poi essere improvvisamente … silenzio.

Il pubblico ascolta, guarda e partecipa alle storie. Il pubblico diventa personaggio nelle situazioni, aiuta il lupo a soffiare contro la casa dei porcellini, crea i rumori di foresta e diventa vittima di una strega “qualunque”. Lo spettacolo è rivolto ai bambini dai 5 ai 10 anni ed ad un pubblico di famiglie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome