Sgominata banda italo-albanese di spacciatori. Erano specializzati in cocaina

Trenta i militari impegnati dalle prime ore della mattinata per eseguire otto ordinanze di custodia cautelare. Le indagini partite nel 2018 e coordinate dalla Procura

Sgominata dai carabinieri una banda italo-albanese di spacciatori. Otto sono stati arrestati mentre un nono è sottoposto ad obbligo di firma.

Alle prime ore del mattino, su richiesta della Procura della Repubblica di Piacenza, circa 30 militari del comando provinciale di Piacenza hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Piacenza nei confronti di un gruppo indagato per il reato di “detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti continuato ed in concorso”.

Due degli arrestati sono italiani e si trovano ora ai domiciliari mentre sette albanesi sono in carcere.

Le indagini condotte dalla sezione operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia carabinieri di Piacenza erano partite nel giugno 2018 e si erano protratte fino a febbraio 2019 ed erano state coordinate dalla Procura della Repubblica di Piacenza.

Tutto era partito da alcuni controlli eseguiti su soggetti di nazionalità albanese, già noti per precedenti vicissitudini giudiziarie. Le zone dello spaccio erano prevalentemente quelle di viale Dante e di via Borghetto.

Questi pregiudicati conducevano uno stile di vita sproporzionato rispetto alle possibilità economiche derivanti da attività ufficialmente svolte.

Da una serie di accertamenti preliminari è emerso che due cittadini albanesi ed uno italiano (intestatario di una carta prepagata) movimentavano consistenti somme di danaro, ritenute verosimilmente provento di attività illecita.

Sono dunque seguite varie attività di indagine (con pedinamenti ed intercettazioni) che hanno permesso di raccogliere significativi indizi di colpevolezza proprio per una florida attività di spaccio da parte di un gruppo di cittadini albanesi ed italiani che controllava la quasi totalità del traffico di cocaina a Piacenza.

Gli stupefacenti venivano venduti quotidianamente a vari consumatori, anche di giovane età.

L’operazione ha consentito di individuare i “grossisti” che operano nel milanese, anch’essi cittadini albanesi, alcuni dei quali pluripregiudicati e privi di una qualunque attività lavorativa lecita.

Durante l’indagine sono stati arrestati in flagranza di reato 4 soggetti, segnalati 25 assuntori e sequestrati circa 500 grammi di cocaina.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome