Il Touring Club Italiano arriva a Piacenza con il primo dei luoghi “Aperti per Voi” della città

Dal 26 ottobre i volontari accolgono i visitatori nella Chiesa di Santa Maria in Cortina ogni sabato dalle 16 alle 19

Il Touring Club Italiano arriva a Piacenza e inaugura il primo dei luoghi Aperti per Voi della città: la Chiesa di Santa Maria in Cortina, una delle chiese più antiche del territorio piacentino. In particolare, da sabato 26 ottobre, i volontari del Touring Club Italiano accoglieranno i visitatori ogni sabato dalle 16 alle 19.

La chiesa di S. Maria in Cortina sembra sia stata fondata nel V sec. d. C. e secondo la tradizione sarebbe collegata all’invenzione delle reliquie di S. Antonino, ritrovate in un ipogeo del IV secolo dal vescovo Savino, che le avrebbe solennemente traslate nella vicina antica cattedrale, che avrebbe allora assunto l’intitolazione di S. Antonino.

 L’apertura della Chiesa di Santa Maria in Cortina, primo luoghi Aperti per Voi della città e ottavo sito in Emilia Romagna, è frutto della collaborazione con la Diocesi di Piacenza – Bobbio ed è il risultato dell’ultradecennale esperienza dell’iniziativa Aperti per Voi che, grazie all’impegno dei Volontari del Touring Club Italiano, consente di accogliere i visitatori in siti d’arte e cultura altrimenti inaccessibili al pubblico o aperti con forti limitazioni di orario.

Dal 2005 ad oggi sono tanti i successi raggiunti: oltre 2200 i volontari attivi oggi in tutta Italia, 82 i luoghi aperti in 34 città italiane in 13 regioni e più di 17 milioni i visitatori accolti.

La collaborazione con il Touring Club Italiano è un risultato importante anche per Manuel Ferrari, Direttore ufficio beni culturali e edilizia di culto della diocesi: «La nostra chiesa piacentino-bobbiese è da sempre impegnata nella produzione e salvaguardia di un patrimonio culturale di immenso valore sia sotto il profilo storico-artistico, che identitario. Esso è custode di una tradizione di fede millenaria trasmessa da una generazione all’altra, capace di esprimere una bellezza autentica che “trasforma” l’uomo di ogni tempo che con essa entra in relazione. Siamo consapevoli che tra i compiti a cui è chiamata oggi la Chiesa, vi deve essere un impegno per la trasmissione alle future generazioni di questa straordinaria risorsa, oltre al bisogno di stimolare un coinvolgimento attivo per la conoscenza e valorizzazione. Per farlo è necessario tessere un legame con le istituzioni e le associazioni che a vario titolo collaborano sul territorio per la salvaguardia e valorizzazione del patrimonio consapevoli che esso rappresenta oggi più che mai una delle principali opportunità per il nostro Paese. Tra queste il Touring Club Italiano, con il progetto “Aperti per voi”, rappresenta quanto di più prezioso il volontariato in Italia sa esprimere, grazie a persone appassionate che scelgono di dare il loro contributo per una nobile missione».

 «L’avvio del progetto Aperti per Voi a Piacenza è testimonianza tangibile dell’impegno attivo e concreto dei Volontari – afferma Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano – che ricoprono oggi un ruolo fondamentale nella società.  Il crescente impegno dei Soci a favore di Aperti per Voi è un indicatore del forte radicamento al territorio, del senso di appartenenza e di responsabilità nei confronti non solo della propria città, ma anche del proprio Paese.  Come Touring Club – continua Iseppi – siamo convinti che in Italia ci sia una sensibilità crescente e diffusa verso il prendersi cura del nostro Paese come bene comune, attraverso l’impegno dei cittadini e delle associazioni affinché l’immensa eredità culturale di cui possiamo disporre possa essere resa fruibile non solo da un maggior numero di persone oggi, ma anche e soprattutto dalle generazioni future».

 Per partecipare al progetto Aperti per Voi e fare esperienza di volontariato culturale in uno dei luoghi simbolicamente adottati dal Touring Club Italiano, si può compilare il form all’indirizzo: www.touringclub.it/apertipervoi

ll Touring Club Italiano è una libera associazione senza scopo di lucro che propone ai suoi soci – destinatari e attori della missione – di essere protagonisti di un grande compito: prendersi cura dell’Italia come bene comune perché sia più conosciuta, attrattiva, competitiva e accogliente. Per questo il Touring Club Italiano contribuisce a produrre conoscenza, tutelare e valorizzare il paesaggio, il patrimonio artistico e culturale e le eccellenze economico produttive dei territori, attraverso il volontariato diffuso e una pratica turistica del viaggio etica, responsabile e sostenibile.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome