Le Biancorosse ricevute in Comune: “Cerchiamo un campo per sviluppare il nostro progetto”

Le Biancorosse ricevute in Comune:

Arriva anche il riconoscimento “istituzionale” per le Biancorosse Piacenza, che questa mattina sono state accolte, assieme allo staff, presso Palazzo Mercanti per un saluto da parte del primo cittadino, che in apertura ha voluto precisare come questo incontro fosse “voluto da tempo”. Presente sia la presidente Maria Cristina Zoccheddu, l’allenatore Alberto Sgorbati

“Il vostro gruppo sta portando avanti un lavoro straordinario, non è solo un sacrificio sportivo, ma riguarda anche la disciplina a tutto tondo – ha continuato il sindaco Barbieri -, e poi essere donne non è facile nello sport. I risultati sportivi delle calciatrici donne in Nazionale ne sono un esempio, nonostante tutto faticano ancora ad avere la stessa visibilità dei colleghi maschi”.

“I vostri risultati sono uno stimolo anche per noi istituzioni – ha proseguito -, le eccellenze come voi hanno diritto ad avere le possibilità che meritano. Bisogna fare sistema, e voi ne fate parte”.

Le richieste delle ragazze e dello staff sono molto semplici e chiare: spazi “stabili” per potersi allenare adeguatamente e poter sviluppare il proprio progetto estendendolo anche a un settore giovanile di qualità. “Siamo maggiormente seguiti in questo periodo – considera la presidente Cristina Zoccheddu -, un grande passo per noi. Dobbiamo essere grati alle società che ci ospitano nei loro campi”.

Vogliamo una nostra casa – ha rimarcato il dirigente Guido Sozzi -, la base per qualsivoglia organizzazione che voglia dare un’idea di futuro. Ogni anno facciamo fatica ad assemblare una squadra competitiva, molte ragazze vengono da fuori. Mi sono legato al mondo femminile perchè vedo margini di cresciti immensi paragonati a quelli maschili”.

E per crescere in modo adeguato serve un maestro di qualità come Alberto Sgorbati: “Sono sui campi da calcio da 50 anni – ha esordito -, spero di fare più stagioni in questa società, queste atlete incontrano difficoltà enormi ad affrontare l’attività in modo normale”. 

Publicità

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here