È Gloria Trabucchi la nuova regista per il Busa Foodlab

Confermata Francesca Caviati come secondo palleggio

Sarà Gloria Trabucchi la regista di casa Busa Foodlab Gossolengo. Primo volto nuovo dal mercato del DS Stefano Mazzari la palleggiatrice classe 1989 prende il posto di Sara Colombano, protagonista l’anno passato in maglia biancoblu ed ora a Marsala (serie A2).

Piuttosto lungo e corposo il curriculum sportivo della giocatrice che elle ultime tre stagioni ha disputato altrettanti campionati di serie B1: nel 2019/20 ad Aragona, nel 2017/18 e 2018/19 con la maglia di Vigevano. L’alzatrice milanese può vantare inoltre un trascorso importante con la maglia della Bakery Volley Piacenza quando, nel campionato 2013/14, conquistò la promozione in serie A2 alla corte di coach Andrea Pistola.

Tantissima esperienza in cabina di regia ma, al contempo, il desiderio di mettersi fin da subito a disposizione delle compagne per cercare la massima intesa sul campo di gioco. «Mi metterò a totale disposizione delle mie compagne e del mio allenatore: so di avere un ruolo di grande responsabilità – spiega Trabucchi – Spero di poter rappresentare un punto di riferimento per le mie compagne, dall’alto della mia esperienza».

«La voglia di riprendere è tanta soprattutto dopo la situazione che si è creata – conclude la nuova regista biancoblu – L’obiettivo è quello di fare un buon campionato, di migliorarsi sempre e di creare un gruppo anche fuori dal campo che è sempre un valore aggiunto».

Insieme alla nuova arrivata Trabucchi, il Busa Foodlab incassa una riconferma per il ruolo di seconda palleggiatrice: Francesca Caviati indosserà infatti la maglia di Gossolengo anche per la seconda stagione consecutiva: dopo l’esordio in B2 con coach Sassi, Caviati inseguirà il primo gettone nella categoria superiore. «Sono molto contenta e orgogliosa di rimanere in casa MioVolley e di ritrovare buona parte delle mie compagne della passata stagione – racconta Caviati – Sono pronta a dare il mio contributo affinché si possano avere belle soddisfazioni: questa stagione spero possa costituire una nuova occasione di crescita personale e di riscatto per quello che non siamo riuscite a vivere fino in fondo l’anno passato».

Publicità

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome