Grandi appuntamenti presso la Fondazione, tra Cazzullo, Annibale e il mondo dei ricercatori

Importanti appuntamenti in vista alla Fondazione Piacenza e Vigevano, con ospiti di spessore nazionale e di qualità. Il 22 presso la sede storica degli appuntamenti culturali dell’Ente, l’Auditorium, ci sarà Aldo Cazzullo che presenterà la sua ultima fatica letteraria, “Giuro che non avrò più fame”, in cui l’autore ripercorre la storia dell’Italia dal dopoguerra in avanti, raccontando di come da Nazione ferita si sia trasformata in potenza mondiale. Scrive Cazzullo: “avevamo 16 milioni di mine inesplose nei campi. Oggi abbiamo in tasca 65 milioni di telefonini, più di uno a testa, record mondiale. Solo un italiano su 50 possedeva un’automobile. Oggi sono 37 milioni, oltre uno su due. Eppure eravamo più felici di adesso”.  

Altro appuntamento da segnare in agenda è venerdì 23 novembre al Teatro Filodrammatici con lo spettacolo “Annibale, memorie di un elefante”, prima nazionale in collaborazione con il Teatro Gioco Vita, in cui viene narrata la storia del leggendario generale che ebbe l’intuizione di provare a minare la strapotenza dei romani combattendoli sul loro territorio. Lo spettacolo trae spunto da un avvenimento storico: la battaglia della Trebbia, in cui si fronteggiarono gli eserciti cartaginese e romano, guidati rispettivamente dal grande generale Annibale e dal giovane Publio Cornelio Scipione. Per l’occasione molte arti confluiranno nella rappresentazione: dalla clownerie alla giocoleria passando per la visual comedy. Con una sorpresa finale per gli spettatori.

Infine l’ 1 dicembre una sezione dedicata al mondo dei ricercatori con una lectio magistralis di Fabiola Gianotti, direttore generale del CERN, per capirne di più sulle origini dell’universo, mentre nella seconda parte “Gli enigmi e il futuro dell’evoluzione della vita sulla terra”, con Telmo Pievani, ordinario Dipartimento di biologia dell’Università di Padova, e “Il mestiere di ricercatore in un istituto internazionale e con la passione per il rock e la letteratura” con Paolo Soffientini, ricercatore IFOM-Istituto Firc di Oncologia Molecolare, musicista e scrittore. La giornata è resa possibile dalla Federazione delle associazioni Scientifiche e Tecniche, dalla Fondazione Piacenza e Vigevano e dall’Unione Giornalisti Italiani Scientifici, con il patrocinio di Politecnico, Università Cattolica, Confindustria, Associazione Edoardo Amaldi e Fondazione Ordine Giornalisti. I giornalisti interessati ad acquisire i crediti (4 CFP) sono invitati a registrarsi sulla piattaforma S.I.Ge.F. (Sistema informatizzato gestione formazione).

Per quest’ultimo appuntamento è richiesta l’iscrizione dei partecipanti sul sito www.fast.mi.it. 

Isole Åland
Publicità

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome