Il lungo abbraccio di Borgotrebbia per Elisa

Il padre di Elisa

Un lungo serpentone di persone per ricordare Elisa Pomarelli. Erano state comprate circa 250 fiaccole, ma non sono sicuramente bastate questa sera in Via Berzolla a Borgotrebbia per gli accorsi, almeno il doppio, per incontrare i parenti stretti di Elisa, la ragazza che da 12 giorni non si trova, e le ultime ricostruzioni dei Ris di Parma prospettano una fine drammatica per questa vicenda.

I genitori, nelle loro dichiarazioni alla stampa presente, non hanno potuto fare altro che rilasciare parole di speranza, nonostante tutto: il padre ha detto: “Ti voglio bene Elisa, speriamo che torni a casa presto, ma non dipende da lei”.

Gli amici più vicini a Elisa hanno invece intonato “Piccola stella senza cielo” e “Certe notti”, due brani di Ligabue che venivano cantati in compagnia durante gite o scampagnate.

Da Via Berzolla 22, la casa di Elisa, la fiaccolata ha percorso Via Ricchetti per giungere poi alla rotonda dopo Via Trebbia e tornare al punto di partenza, passando davanti alle case da cui sbucavano le teste di alcuni abitanti di Borgotrebbia. Hanno partecipato anche l’assessore Jonathan Papamarenghi, Giulia Piroli e alcuni rappresentanti di Non Una di Meno, nonchè di Arcigay Lambda.

 

LE ULTIME SUL CASO

Lui intanto, indagato per omicidio e occultamento di cadavere, pare sia stato avvistato nei boschi in località Sariano, intanto i tecnici hanno rivelato tracce biologiche nell’auto di Sebastiani. Le ricerche sono riprese dopo la sosta di un giorno. Domani nuovo summit in Prefettura per fare il punto della situazione.

 

PiacenzaOnline

Via Cittadella 33/b
Piacenza, Italia 29121
Italia
Telefono: 0523-1902683
Email: redazione@piacenzaonline.info

 

 

 

Publicità

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome