Da Pordenone in Santa Maria di Campagna per la “Salita”

Amministratori del Comune friulano e di Spilimbergo, accolti dai Frati minori e dalla Banca di Piacenza, hanno incontrato il sindaco Patrizia Barbieri e l’assessore alla Cultura Jonathan Papamarenghi

Il Comune di Pordenone si prepara a celebrare il suo illustre concittadino Giovanni Antonio de’ Sacchis nel 480° anniversario della morte (il 26 ottobre prossimo verrà inaugurata nella città friulana una grande mostra dedicata al pittore). E lo fa rinsaldando quel gemellaggio culturale con Piacenza che – preso avvio con il protocollo d’intesa tra le Amministrazioni firmato nel 2017, anche con Cremona – ha avuto la sua consacrazione con la “Salita al Pordenone” (l’evento clou della stagione culturale piacentina 2018 targato Banca di Piacenza, che ha consentito a migliaia di persone di ammirare da vicino gli affreschi della Cupola di Santa Maria di Campagna realizzati dal Pordenone, grazie al recupero dell’antico camminamento degli artisti).

Ad un anno di distanza dall’inaugurazione, Pordenone è tornata nella nostra città, con due comitive, a visitare la Salita: a marzo con una folta rappresentanza del Creo, Circolo ricreativo degli enti ospedalieri di Pordenone e, a giugno, con il gruppo locale della Fiab (Federazione italiana ambiente e bicicletta), quarto in Italia per numero di iscritti, guidato dal presidente Luana Casonato. Ad accompagnare i cicloturisti friulani, gli assessori del Comune di Pordenone Pietro Tropeano (Cultura) e Guglielmina Cucci (Turismo) e l’assessore al Turismo del Comune di Spilimbergo Anna Bidoli. La delegazione friulana – accolta da padre Secondo Ballati, Superiore del Convento dei Frati minori e da Franco Marenghi, del Consiglio di amministrazione della Banca di Piacenza – ha visitato la Cupola e gli altri capolavori del de’ Sacchis in Santa Maria di Campagna e incontrato, in Basilica, il sindaco Patrizia Barbieri e l’assessore alla Cultura Jonathan Papamarenghi.

«E’ una soddisfazione verdevi in questo gioiello di chiesa -di proprietà del Comune, ha detto il sindaco, – custodita dai frati francescani e valorizzata nei suoi capolavori grazie alla costante attenzione della Banca di Piacenza». Anche l’assessore Papamarenghi ha avuto parole di riconoscenza verso la Banca e padre Secondo, sottolineando l’importanza «di questi scambi culturali con la città di Pordenone». Dal canto suo l’assessore Tropeano ha ringraziato dell’ospitalità, ponendo l’accento «sull’importanza di fare rete con i territori padani, dove il Pordenone ha fatto grandi cose».

L’avv. Marenghi ha portato il saluto della Banca agli ospiti, ricordando «lo sforzo organizzativo e finanziario» compiuto dall’Istituto di credito per valorizzare il prezioso gioiello di Santa Maria di Campagna. «Un gesto d’amore verso il territorio ampiamente ripagato dalle decine e decine di migliaia di visitatori, anche dall’estero, che sono saliti in Cupola. Grazie alla disponibilità dei frati che non ci stancheremo mai di ringraziare – ha concluso l’avv. Marenghi -, la Salita offre ancora la possibilità di essere visitata con le aperture straordinarie: già ce ne sono state e altre ne seguiranno».

Terminata la visita a Santa Maria di Campagna, il gruppo Fiab Pordenone ha inforcato le biciclette in direzione di Cremona (Cattedrale e Museo del violino le tappe in programma); ultima meta Cortemaggiore, raggiunto sempre con le bici, con sosta nella chiesa dell’Annunziata.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome