Progetto Vita sbarca a Parigi, pubblicato studio sulla rivista “Heart”

Lo studio dimostra come i defibrillatori posizionati negli impianti sportivi siano indispensabili. 

Progetto Vita sbarca a Parigi, pubblicato studio sulla rivista

Altro prestigioso riconoscimento per l’impegno profuso da Progetto Vita nella diffusione di defibrillatori negli impianti sportivi. La rivista “Heart” ha pubblicato la ricerca del gruppo piacentino, che dimostra come i defibrillatori (DAE) posizionati negli impianti sportivi siano indispensabili.  

La ricerca ha ottenuto il secondo riconoscimento come miglior pubblicazione sul tema dell’arresto cardiaco nel 2018/2019. Il premio è stato conferito durante il congresso dell’European Society of Cardiology, in corso di svolgimento a Parigi.

Gli autori della ricerca sono: Daniela Aschieri, Diego Panela, Valentina Pelizzoni, Federico Guerra, Anna Chiara Vermi, Luca Rossi, Lucia Torretta, Giulia Losi, Giovanni Quinto Villani, Alessandro Capucci.

Nella ricerca viene dimostrato come “su 252 impianti sportivi, 207 (82%) hanno acquisito un DAE durante il controllo medico, mentre 45 (18%) non lo hanno fatto. Dal 1999 al 2014, ci sono stati 26 SCA (Sindrome Coronaica Acuta, ndr) (24 (92%) uomini, 54±17 anni), di cui 15 (58%) in centri con DAE in loco. I tassi di sopravvivenza neurologicamente intatta erano del 93% nei centri con DAE in loco e del 9% nei centri senza (P<;0. 001). 

La presenza di DAE in loco, la presenza di ritmo defibrillabile, la prima assistenza da parte di un laico e il tempo di defibrillazione erano tutti correlati alla sopravvivenza neurologica intatta, ma la presenza di DAE in loco è stato l’unico predittore indipendente nell’analisi multivariata. L’uso del DAE in loco ha ridotto il tempo di primo shock rispetto al DAE consegnato dal sistema medico di emergenza (3,3±1,4min vs 7,3±3,2 min; P=0,001)“.  

Per chi volesse approfondire, ecco il testo a disposizione.   

PiacenzaOnline

Via Cittadella 33/b
Piacenza, Italia 29121
Italia
Telefono: 0523-1902683
Email: redazione@piacenzaonline.info

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome